Regolamento del Certamen Comicum

Art.1- Finalità

Il Certamen Comicum, che consiste nella rappresentazione di commedie o di scene di commedie di poeti comici latini, e particolarmente di Plauto, da parte di studenti delle scuole superiori, ha finalità di approfondimento teorico/pratico della cultura teatrale classica e costituisce il momento rappresentativo/attoriale del Latinus Ludus.

Art. 2 – Modalità di Partecipazione

Ogni Istituto può partecipare anche con più rappresentative, nel qual caso i componenti di ogni gruppo debbono appartenere alla stessa classe. I gruppi dovranno recarsi a Mondaino a spese proprie. Le domande di ammissione devono pervenire alla segreteria, a mezzo fax o posta elettronica, entro la data comunicata con il bando del Latinus Ludus e contenere:

  1. l’esatta individuazione del testo;
  2. il testo in latino del brano scelto, indicando specificamente l’edizione seguita.
  3. il testo in italiano che verrà presentato deve essere una traduzione inedita realizzata dalla classe o gruppo partecipante al Certamen Comicum e dovrà pervenire preferibilmente tramite posta elettronica (all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), fax o posta ordinaria entro il termine tassativo del 27 aprile 2017
  4. unitamente al testo, nel termine tassativo di cui al punto precedente e nelle stesse modalità ivi indicata, deve essere inviato, utilizzando il Modello C, l’elenco completo degli studenti costituenti il gruppo partecipante.

Art. 3 – Prescrizioni Generali

Il Certamen Comicum, da quest’anno, cambia profondamente natura, rendendo più semplice e più praticabile la preparazione dei gruppi che vogliano partecipare alla manifestazione. Infatti non è più richiesta, come in passato, la traduzione e la messa in scena di una singola commedia. Ciò perché da quest’anno il Certamen è collegato con i nuovi Ludi Plautini Sarsinates.

I Ludi prevedono che ogni anno l’oggetto delle discussioni sia uno dei personaggi fissi che caratterizzano la commedia latina. Nel 2017 il personaggio scelto è stato quello del miles gloriosus e pertanto i partecipanti al Certamen 2018 dovranno tradurre e rappresentare non, come nel passato, un’intera commedia o una sintesi di essa, ma soltanto una o due scene di una commedia plautina o anche di due commedie a scelta in cui sia presente e agisca il personaggio del soldato fanfarone.

Per esempio, un gruppo può decidere di rappresentare una o due scene del Miles gloriosus ove agisce Pirgopolinice; oppure una o due scene del Truculentus ove agisce Stratofane; oppure una scena del Miles con Pirgopolinice assieme ad una del Truculentus con Stratofane, oppure altre scene di altre commedie, in cui però agisca sempre il personaggio del soldato.

La scelta delle scene da rappresentare dovrà ovviamente tener conto della loro minore o maggiore lunghezza, per conformarsi ai tempi previsti dall’Art. 5 del presente regolamento.
Gli attori reciteranno in italiano, non escludendo il ricorso ad altre lingue o dialetti, quando ritenuti utili ad una maggior efficacia della scena. La partecipazione a qualsiasi titolo nella rappresentazione di soggetti diversi dagli studenti di scuola media superiore in corso comporterà l’esclusione dal Certamen.

La semplicità della nuova formula viene incontro agli Istituti che non ricorrono alla collaborazione di professionisti esterni ed è volta così a dare a tutti uguali possibilità di riuscita.

Fondandosi su questo criterio, la Commissione valuterà le recite dei singoli gruppi sulla base della qualità della traduzione (che dovrà essere originale e venire inoltrata entro il 28 aprile 2018), dell’efficacia della recitazione e della rappresentazione, della proprietà dei costumi ma pure di altri aspetti dello spettacolo che giudicherà degni di considerazione. Ribadendo che lo spirito dell’iniziativa è prima di tutto quello di un gioco, di un ludus appunto, si terrà infatti conto non soltanto delle qualità registiche o attoriali, ma anche dell’impegno, della passione, della volontà di cercare e di realizzare insieme l’idea di un spettacolo che risulti piacevole e, per quanto possibile, originale.

Art. 4 – Ammissione alla Prova

La Commissione del Latinus Ludus ammetterà le rappresentative, favorendo l’alternanza delle partecipazioni, secondo l’ordine cronologico d’arrivo delle domande ovvero secondo la propria, insindacabile, valutazione.

Art. 5 – Svolgimento della Prova Teatrale

Le rappresentazioni si terranno nel Teatro Dimora presso “L’Arboreto” di Mondaino. Lo spazio scenico è costituito da una pedana rialzata di circa 15 cm (con accessi laterali e posteriori; fondale e quinte nere; impianto luce e amplificazione) di circa 150 metri quadrati.

Qualora ne abbiano necessità, i singoli gruppi dovranno autonomamente procurarsi l’eventuale materiale scenico. Il tempo a disposizione per l’esibizione di ogni gruppo è quantificato tassativamente in 30 minuti.

Art. 6 - Rinunce

Le rinunce devono essere comunicate alla Segreteria quanto prima, al fine di favorire una eventuale sostituzione.

Art. 7 - Premiazioni

Verrà premiato il gruppo risultato vincitore e il miglior attore/attrice. A tutti i gruppi sarà consegnato un attestato/targa di partecipazione.